vivere il polo

living polo

curiosità

Interesting facts

Il polo è lo sport dalle pari opportunità

Proprio così, non conta il sesso, ma l’handicap (valutazione) di un giocatore, maschio o femmina che sia !

Un cavaliere ed una giocatrice del gentil sesso, che abbiamo identici goal di hcp sono considerati allo stesso livello di valore ed abilità e questo accade solo nel gioco del polo!

Una partita di polo sul tetto del mondo

Sull’Himalaya si gioca una volta all’anno un campionato di polo a 4000 mt di altitudine tra tutte le popolazioni della zona. Forti ponies, stecche fatte a mano, giocatori di un tempo, è il gioco del polo nella sua forma ancestrale, senza regole, 25 minuti filati per ogni chukker, due per ogni partita. Una magica esperienza per gli appassionati di polo e non solo…

Un film per la TV sul gioco del polo

E’ in fase di realizzazione un film per la TV che racconta la vita di un grande giocatore di polo italiano Piero Capparoni, scomparso due anni fa.

Una storia d’amore intensa che Lucilla, sua moglie, racconta nel suo libro “Il cavaliere di cristallo’’.

La Storia delle palle da polo

In passato, le palle da polo erano tutte in legno, ora solo in qualche torneo si utilizzano ancora. Una volta lanciate, le palle in legno con l’attrito dell’aria, emettevano una sorta di fischio, che consentiva ai giocatori, di avvertire il sopraggiungere della palla e di conseguenza evitare di essere colpiti. Tuttavia, le sfere di polo in legno non erano molto resistenti.

Bernard Cohen, nel 1970, inventò l’odierna palla da polo in plastica, il cui test di rodaggio fu effettuato a Palm Beach al Polo Club di Wellington, in Florida. L’impatto fu notevole, cambiando il gioco in modo decisivo. TEC fu il nome della nuova società di Bernie (l’acronimo della sua bella moglie, Trudy Elizabeth Cohen), che iniziò la produzione e la vendita della nuova pallina da polo.

Per il vigore dei colpi inferti alla palla, quest’ultima tende a deformarsi ogni volta che viene colpita. Per questo motivo, arbitri e alfieri, sono costretti, spesse volte, a sostituire le sfere, se necessario, anche durante la partita stessa: ogni partita di polo richiede circa due dozzine di palle polo.

Polo is a gender-blind sport

A player’s handicap (skill level) is what counts, while gender is of no importance.

Male and female players who have achieved the same handicap are treated as equals and considered to have identical skill levels; polo is one of very few sports where this holds true. 

A polo match on top of the world

Once a year, a polo championship is played on the Himalaya mountaintops at an altitude of 4,000 meters, among the area’s native peoples. Hardy ponies, handmade mallets, old-fashioned players...this is the game of polo in its ancient, ancestral form. There are no rules, and playing time is divided into two chukkers, each of which lasts 25 minutes. It’s a magical experience for everyone, polo enthusiasts and first-time spectators alike.

A TV movie about the game of polo

A TV film about the life of the great Italian polo player Piero Capparoni, who passed away two years ago, is currently being produced.

It depicts an intense love story which his wife Lucilla recounts in her book “The Crystal Horseman”.

Something about polo balls

In the past, polo balls were always made of wood. Today, wooden balls are only used in a small number of tournaments. When wooden balls were thrown, friction with the air produced a whistling sound which allowed players to hear the ball coming, and thus avoid being hit by it. Wooden balls, however, were not very sturdy.

In 1970, Bernard Cohen invented the modern plastic polo ball. It was first tested in Palm Beach, Florida, at the Wellington Polo Club, and has had a significant impact on the game, changing the sport in a decisive way. Bernie’s company was named TEC after his wife, Trudy Elizabeth Cohen, and it soon began production and sales of the new polo ball.

During play, the ball is usually hit with such force that it tends to be deformed by each strike. Frequent ball substitutions must thus be made during the game, to the point where around two dozen polo balls are needed for each match.